Non Solo Sport

Mughini sul Battaglione Azov: "Nazisti? No, sono degli eroi massacrati come cani. Basta deriderli"

Il giornalista ha rilasciato le seguenti parole a Dagospia sulla Guerra in Ucraina

Francesco Rossi
29.03.2022 19:46

Mughini

 

Giampiero Mughini ha parlato della Guerra in Ucraina a Dagospia, soffermandosi in particolar modo sul Battaglione Azov, ritenuto di essere simpatizzante del regime nazista. Ecco il suo pensiero in merito:

"Sul Fatto ho letto un articolo che li deride, che li taccia di essere dei 'nazisti' punto e basta, dei nazisti loro che stanno probabilmente per essere uccisi come cani da un esercito le cui doti cavalleresche sono dubbie". Quello che evidente sfugge al Fatto e a tutto il popolo dei "né-né", che nei fatti finisce per avallare (se non sostenere) l'invasione russa, è che "la guerra è spaventosa, più che questo; e non è che in ciascun frangente della guerra è facilissimo tracciare una linea di demarcazione tra i 'buoni' e i 'cattivi. Qquelli del battaglione Azov sono oggi ai miei occhi dei 'buoni', degli eroi, altro che dei nazisti da indicare al pubblico disprezzo mentre stanno per essere massacrati".

Cassano e il passato da playboy: "A Roma piacevo molto. Sapete cosa mi dicevano le donne?"
Turchia-Italia, le formazioni ufficiali: amichevole tra le due sconfitte dei play off Mondiali